Post

Gnomi alla linea del Tram: "Abbasso gli smartphone, W la natura!"

Immagine
Siete mai stati alla "linea del tram"? Qui la si chiama così: è parte del tragitto che compone il Parco della Valle del Cosia, un grande bosco molto apprezzato da chi ama fare lunghi giri nella natura. Se passate da quelle parti, fate attenzione alle abitazioni di Voltino e dei suoi amici. Come riconoscerle? Sono case a misura di gnomo: hanno delle porte minuscole fissate al tronco degli alberi. Impresa più difficile sarà vedere Voltino in persona, ma per quello potrete facilitarvi mettendo da parte "quello strano aggeggio elettronico... ho sentito dire che si chiama smartphone" (cit.) e lasciandovi sorprendere dalla fantasia.

Vivere il presente

Smartphone e telefonini sono diventati una costante quasi essenziale nella realtà di ciascuno di noi, tant'è che non riusciamo più a capacitarci di vivere senza il loro supporto. La simpatica iniziativa dei volontari che si sono occupati del recupero della zona è un chiaro invito a sensibilizzare le persone:  vivere di …

"Mamma, c'è un coniglio nel parco"- L'insolito inquilino di Camnago Volta

Immagine
Non molto tempo fa, uno dei giochi preferiti dei bambini di Camnago Volta, era andare a far visita ai conigli nella cascina adiacente alla Villa di Volta. I pomeriggi alla Cascina significavano ore a osservare i piccoli e paffuti abitanti delle conigliere, raccogliere per loro fili d'erba e fieno (graditissimi!) e fantasticare improbabili storie con personaggi lapini. Il tutto sotto l'occhio vigile del contadino che cercava di godersi il giorno di riposo. Oggi quelle conigliere non ci sono più: la Cascina è stata ristrutturata per ospitare nuovi inquilini e la vita va avanti con le sue vicissitudini, se non fosse che un pò di quella magia dell'infanzia fa capolino ancora oggi.


Nel parco giochi del paese, infatti, è al momento ospitato un esemplare di coniglio nano: non è difficile notarlo, bianco e di ridotte dimensioni. E' probabile che questa mascotte sia stata persa o (nel peggiore dei casi) abbandonata da qualcuno: si spaventa facilmente alla vista di joggers, bam…

Festival della Luce- Una "messa in carta" per Volta

Immagine
In occasione della Giornata internazionale della luce il Museo della Seta di Como ha ripreso dai suoi archivi un cimelio che, per gli appassionati di storia voltiana, si rivelerà una vera e propria chicca: si tratta di una messa in carta del 1954.
"La messa in carta" spiega l'esperta Daniela Manili Pessina "è la rappresentazione grafica della tessitura. Comprende gli schemi, i segni, i numeri, il complesso di istruzioni seguendo le quali è possibile costruire un tessuto". 
Lo schema tessile in questione ritrae a vivide quadrettature rosse, gialle e blu il Tempio Voltiano: monumento realizzato nel 1928 da Federico Frigerio, con il finanziamento di Francesco Somaini, per conservare i cimeli appartenuti allo scienziato. Decisamente un modo originale per ribadire l'affetto di Como ad un illustre ed illuminato concittadino come Volta.

Festa della mamma 2018- Festeggiamenti al Centro sociale A. Volta

Immagine
Ecco cosa organizza il Centro sociale anziani A. Volta in occasione della Festa della Mamma:


Domenica 13 maggio ore 15:00

"Ci troveremo tutti assieme presso la sede del Centro Sociale A. Volta. Come tradizione faremo una tombolata con dolci e bibite. Prenotazioni al nr. 031/3371636 o presso l'operatore di turno del bar. Vi aspettiamo numerose......."

Il Sentiero del Beato- "L'incontro" tra Volta e Lambertenghi con le Passeggiate Creative

Immagine
La nuova stagione delle Passeggiate Creative (iniziativa lanciata nel 2012 dal giornalista Pietro Berra dedicata all'esplorazione del territorio comasco e alla scoperta delle sue peculiarità culturali) è stata inaugurata domenica 22 aprile con una serie di percorsi sulle orme di Volta. La prima tappa scelta (come già accennato il mese scorso) è stato il sentiero del Beato, un cammino di 1,5 km dedicato alla figura di Geremia Lambertenghi: dall'Eremo di San Donato a Garzola fino alla frazione di Ravanera, nella contrada di Camnago Volta. Una contrada che - come ha voluto ribadire lo stesso Berra - ha dato molto al mondo.



Un punto d'incontro tra due personaggi


Personaggio schivo, poco amante della popolarità, Geremia Lambertenghi (1440-1513) era figlio di un senatore di Como (risiedeva nell'attuale Palazzo Lambertenghi): nonostante i costumi e le grandi possibilità di cui disponeva, il giovane vi rinunciò per dedicarsi ad una vita di meditazione presso quello che, ai tem…

Volta Bike- La bicicletta ispirata ad Alessandro Volta

Immagine
Il mito della pila elettrica e l'inventiva di Alessandro Volta continuano a essere di grande ispirazione per le generazioni odierne di ingegneri e designer. A questo proposito, un esempio molto eclatante ci arriva dalla assolata Los Angeles. E' qui che l'azienda californiana di biciclette Pure Cycles ha recentemente lanciato una campagna di crowfunding per la sua ultima novità: una modello a trazione a catena o cinghia, motore elettrico posteriore e un'autonomia di 65 kilometri per ricarica.
Una soluzione capace di conciliare il rispetto dell'ambiente e l'esigenza di spostarsi anche in ambiti variegati come le città. Il nome? Volta Bike, ovviamente.

Da Garzola a Camnago: riecco il sentiero del Beato

Immagine
L'iniziativa è nata da un articolo di Pietro Berra per La Provincia di Como su quello che il giornalista ha voluto ribattezzare Il Cammino del Beato: un antico sentiero che, dalla chiesa di S. Donato di Garzola, conduce alla Chiesetta di San Francesco in Ravanera, frazione di Camnago Volta. La suggestione per quel tratto ricco di storia - impraticato da anni - unita alla volontà di salvaguardare la memoria del territorio e all'entusiasmo di associazioni (qualche nome: il gruppo FAI Giovani di Como, La Città possibile) e cittadini (persone di varie età provenienti da ogni parte del mondo, come i richiedenti asilo del gruppo Garzola muri a secco), ha fatto sì che si potesse organizzare un recupero dell'antico tracciato.





Questo progetto riscontrerà il favore non solo degli appassionati di passeggiate nella natura (il percorso connette il "Monte dei Poeti" di Brunate con il Parco del Cosia), ma anche dei cittadini più devoti, visto il legame del sentiero con la figur…