lunedì 26 ottobre 2009

Bohème vista da una Comparsa

L'esperienza teatrale della Bohème di Puccini (di cui vi abbiamo già ampiamente parlato nei post scorsi) è giunta al termine , ma ha lasciato nella memoria di coloro che vi hanno preso parte un'esperienza unica e preziosa... riportiamo di seguito il resoconto personale del nostro compaesano Roberto Todeschini, che nel cast teatrale interpreta il ruolo del Cameriere del Cafè Momus



Caro Teatro, ti scrivo per dirti grazie, grazie per avermi dato la possibilità di conoscere il tuo mondo, grazie per avermi dato la sensazione vera di un'amicizia cooperativa in ogni istante, grazie per avermi descritto con i tuoi ritmi lo scandire di emozioni continue date dall'umanità di ogni singolo elemento,grazie teatro per avermi fatto sentire il calore del pubblico desideroso di conoscere la vera storia che tu e solo tu sai descrivere. Ti ho voluto scoprire e tu mi hai portato per mano nel tempo di Bohème, opera di Puccini della quale poco sapevo, ma dopo pochi giorni di prove quel tempo era già il mio tempo, fatto di storia musicale, passione intrighi e amicizia di vita comune. Grazie amici conosciuti in scena, per tutto quello che avete saputo regalarmi in due mesi di prove fatti di storie raccontate e vicende personali che mi hanno arricchito come uomo, grazie anche a te piccola bimba del coro delle voci Bianche che con il tuo entusiasmo hai dato a tuo padre l'orgoglio e la possibilità di viverti al di fuori della quotidianità.Il teatro, l'opera, è stata per me una pagina della quale mai potro' perdere traccia, per il suo valore di emozioni nelle quali un uomo ha bisogno di riconoscersi nello specchio della vita. Ora sono certo che Como ha con il suo Teatro, una ricchezza che ogni comasco deve custodire come valore personale di vita, ed io ne voglio essere testimone scrivendo tutto quello che con una lacrima il mio cuore ha provato al chiudersi del sipario nell'ultima scena.

Il cameriere del Cafè Momus
Roberto Todeschini

Nel 1989, visitandone la tomba, a Pollone, in provincia di Ivrea, Giovanni PaoloII disse: <> javascript:void(0)

domenica 25 ottobre 2009

Mostra organizzata dalla parrocchia e dalla Circoscrizione 4 sul Beato Frassati



Di Roberto Todeschini

Venerdì 30 ottobre alle ore 20:45 presso la Sala Civica di Camnago Volta, si aprirà con una conferenza tentuta da Don Ernesto Taiana la mostra dedicata a Pier Giorgio Frassati. Egli è stato un giovane "moderno", aperto ai problemi della cultura dello sport, alle questioni sociali, ai valori veri della vita, ed insieme un uomo profondamente credente, nutrito del messaggio evangelico, appassionato nel servizio ai fratelli e consumato in un ardore di carità che lo portava ad avvicinare i poveri e i malati. La sua breve, ma intensa esistenza, fu la realizzazione, nel quotidiano, dello straordinario nell’ordinario. Iscritto ad azione cattolica partecipa attivamente in politica nel partito popolare di Don Sturzo e la sua vita è dedicata allo studio, alla pietà, alla carità, all'apostolato, divenendo subito un esempio per le giovani generazioni. Non compreso dalla famiglia natia egli si impegna da subito nello studio con l'ingresso nella facoltà di Ingegneria partecipando a molte altre opere ed iniziative cattoliche, come la "Lega Eucaristica" e la "San Vincenzo". Frassati muore di poliomielite nel 1925 e molti circoli della Gioventù Cattolica prendono il suo nome. Il 20 maggio 1990 avviene la Beatificazione fortemente voluta da Giovanni PaoloII. La parrocchia S.Cecilia e la Circoscrizione 4 invitano tutta la comunità a visitare la mostra per far sì che la testimonianza di vita lasciata dal Beato Frassati diventi modello per ogni impegno, sociale politico ,religioso ,famigliare nella vita di tutti i giorni per ciascuno di noi. La mostra resterà aperta nei giorni 31 ottobre e 1 novembre con ingresso libero.

"Gesù mi fa visita ogni mattina nella Comunione, io la restituisco nel misero modo che posso, visitando i poveri".



Nel 1989, visitandone la tomba, a Pollone, in provincia di Ivrea, Giovanni PaoloII disse: <


Celebrando la festa dei Nonni con uno spettacolo per grandi e piccini

Festa dei Nonni a Camnago Volta

Pinocchio Pinocchio

Testo e regia

GIUSEPPE DI BELLO

A distanza di più di 120 anni dalla sua pubblicazione Pinocchio continua ad essere non solo uno dei libri più amati al mondo ma anche una fonte inesauribile di suggestioni teatrali. In questa versione del celeberrimo libro di Collodi la storia è narrata coralmente dal “molto famoso Teatro Drammatico e per giunta Vegetale”, nella realtà scenica una “scalcinata compagnia” formata da sette attori alle prime armi e un musicista, tutti senza grandi mezzi e capacità a dispetto dei successi millantati. Così davanti agli occhi del pubblico, in un meccanismo di teatro nel teatro, le mirabolanti avventure del burattino offrono la possibilità di un gioco teatrale esilarante proprio in virtù del fatto che, raccontare questa storia immaginifica è, assolutamente, al di fuori delle loro possibilità: dalla faticosa creazione al funerale del Grillo, dall'incontro con Mangiafuoco e Lucignolo all'interrogatorio del Gatto e della Volpe, dal Paese dei Balocchi all'abbraccio con Geppetto nella pancia della balena.
 Tutto è raccontato sul palcoscenico dal dinamismo delle azioni incalzanti, dalla coralità delle voci e dei corpi. Con semplicità ed immediatezza tutti gli aspetti, soprattutto quelli più divertenti, vengono sottolineati dalla narrazione, dalle canzoni e dalle azioni degli attori in un gioco di invenzioni continuo ed imprevedibile. Questa originale e curiosa versione di Pinocchio, che verrà presentata a Camnago Volta, è la ripresa dello spettacolo che Giuseppe Di Bello ha allestito con il Teatro Città Murata e che è stato rappresentato con grande successo in tutte le principali rassegne nazionali con più di 300 repliche.

ingresso libero

Info evento

todeschini.roberto@hotmail.it oppure 347/ 8452378

mercoledì 14 ottobre 2009

Restando in tema bohèmien e di teatro...

Vi siete mai chiesti cosa si cela nel dietro le quinte di uno spettacolo teatrale? Cosa combinano gli attori e le comparse, tra il dei fruscio di costumi di scena, le prove di routine e i truccatori intenti nel loro lavoro?



Questo video realizzato dal teatro sociale di Como, che offre uno sguardo curioso sulle prove di una delle date della Bohème di Puccini, ci permetterà di avere un'idea più precisa sulle frenetiche attività che si svolgono all'insaputa dell'occhio dello spettatore a sipario abbassato, e della grande organizzazione professionale che si trova alla base di una produzione di successo.

martedì 13 ottobre 2009

"Testa e Cuore" sul settimanale della Diocesi di Como

Il nuovo progetto previsto per l'autunno 2009 "Testa e Cuore" miete sempre più consensi tra il pubblico: l'ultimo arriva direttamente dalle pagine del settimanale della Diocesi di Como


martedì 6 ottobre 2009

Presentazione del Progetto "Testa e Cuore"



Nella seguente foto potete vedere uno dei momenti che hanno caratterizzato la presentazione del progetto "Testa e cuore", svoltasi alla presenza del Sindaco Stefano Bruni e dei Consiglieri Gianmaria Quagelli e Gianluca Lombardi. Si aprono ufficialmente a Camnago le celebrazioni per i 210 anni dalla scoperta della pila. Durante la conferenza il Presidente della Cultura Todeschini ha annunciato a sorpresa un grosso evento che si terrà nella parrocchia di S.Cecilia a Camnago il 20 dicembre. In quella data si terrà un concerto del coro di voci bianche (impegnato in questi giorni con l'opera lirica Bohème) accompagnati dall'orchestra dei Piccoli Pomeriggi Musicali del Teatro Dal Verme di Milano. In aggiunta a questo evento un'attore reciterà la storia musicale di quel tempo. Il percorso "Testa e Cuore " prenderà vita l'8 novembre presso l'Auditorium e per i ragazzi in sala civica .

Nuovo incontro del progetto Giocolandia

Circoscrizione 4 e Pool Comense
Sabato 03 ottobre ore 14:30 presso la palestra del centro Sociale di Camnago Volta nuovo incontro del progetto sportivo "Giocolandia". Progetto gratuito che vede coinvolti 52 bambini e che dà la possibilità a chiunque di poterne far parte rivolgendosi all'indirizzo: todeschini.roberto@hotmail.it. Saggio di fine progetto: domenica 8 novembre ore 16:15 presso Auditorium A. Volta di via Clerici (per l'occasione verrà celebrata la festa dei nonni )