martedì 29 maggio 2012

La chiesetta di S. Francesco- IV parte

In questa quarta e ultima parte del nostro appuntamento dedicato alla "Chiesetta" verrà fatto un accenno sull'abitazione estiva di Alessandro Volta, inoltre si avrà modo di scoprire l'attaccamento particolare del celebre scienziato verso l'edificio sacro.

"Villa Volta" in via Ravanera


La Torre
, così chiamata, rimasta intatta della vecchia villa, dimora prediletta di Alessandro Volta nelle stagioni estive.
(La villa è) Ubicata all'interno dei via Ravanera, a un centinaio di passi dalla chiesetta di S. Francesco.
Non abbiamo testimonianzae scritte, ma non sono supposizioni infondate: certamente il grande scienziato comasco doveva frequentare la chiesetta di S. Francesco, dove frequentemente si celebrava la Santa Messa e sostare in preghiera.



Rimembranze tramandate e ancora nella memoria di vecchi abitanti di Camnago, dicorno quanto Volta amasse incontrarsi e colloquiare con gli umili contadini del luogo.
Ciò corrisponde alla testimonianza scritta da un certo Prof. Mocchetti, discepolo di Volta: "Noi tutti lo abbiamo veduto frammettersi pubblicamente all'umile plebe. Dovunque le pratiche della Religione li chiamassero... se il celebre Volta si umiliava dinnanzi a Dio, dator degli ingegni e fonte di ogni umana grandezza".

Si, anche il grande Alessandro Volta, che tanto amò Camnago a tal punto da sceglierla come sua dimora in attesa dell'eternità, molte volte ha pregato nella chiesetta di S. Francesco.



__________________

lunedì 28 maggio 2012

Concerto straordinario Futurorchestra Teatro degli Arcimboldi

Testo e foto a cura di Roberto Todeschini


 












Evento straordinario sabato scorso al Teatro degli Arcimboldi di Milano. Duecentocinquanta ragazzi provenienti da varie esperienze coristiche e musicali di tutta Italia, si sono ritrovati per unire il proprio essere nella musica, per un progetto di vita. La solidarietà. Tutto questo, ha trovato la sensibilità, oltre che degli organizzatori, anche e sopratutto del grandissimo maestro Ennio Morricone che non si è risparmiato, anzi, ha raccolto l'entusiasmo del numeroso pubblico per bissare una delle colonne sonore a lui piu' care: "c'era una volta il west". Anche Dario Fo', presente in sala,ha salutato i ragazzi e li ha incitati a proseguire nell'arte, che è la musica, strumento di emozioni per chi suona e per chi ascolta. Una serata davvero magica anche per Como, che a sua rappresentaza ha portato sei ragazze del coro di voci bianche del Teatro Sociale.

 
 

Concerto straordinario a favore di Dottor sorriso

Coro Song Lombardia
Coro Mani Bianche Lombardia
Sistema delle orchestre e cori giovanili e infantili in Italia

Diretta da Ennio Morricone
e da Alessandro Cadario

Musiche Morricone Beethoven,Bach

e con la partecipazione di Dario Fo


Video tratto dalla colonna sonora del Film "C'era una volta il West" Teatro degli Arcimboldi
concerto Futurorchestra e cori riuniti  dirige Ennio Morricone

martedì 22 maggio 2012

Concerto di Morricone agli Arcimboldi di Milano

Vi segnaliamo un grandissimo evento, che si terrà sabato prossimo a Milano. Questo evento unisce la grande musica, diretta dal grande Ennio Morricone al progetto di aiuto ai reparti di pediatria di varie strutture Italiane. Quattro ragazze  rappresenteranno la nostra città e Camnago Volta, sarà presente con Camilla Todeschini corista del Teatro sociale di Como e coro Akses di Milano. Parteciperanno per Como inoltre: Chiara Cairoli, Benedetta Rovelli, Elena Neri e Francesca Maiella. Al concerto parteciperanno inoltre ben 250 musicisti provenienti da vari circuiti musicali Lombardi.

La solidarietà e la buona musica vi aspetta!











_____________________________________

Il grande compositore agli Arcimboldi in occasione di un concerto benefico

Sabato 26 maggio, al Teatro degli Arcimboldi, la musica del grande Ennio Morricone è protagonista di un concerto benefico, a favore di Dottor Sorriso Onlus. Sarà lo stesso maestro a dirigere la FuturOrchestra (costituita da centocinquanta giovani coristi e cento giovani strumentisti del Sistema delle Orchestre e Cori Giovanili in Italia) nell'esecuzione di due sue composizioni: il celebre Tema di Deborah tratto dalla colonna sonora del film C'era una volta in America e La metamorfosi di Violetta. Il concerto prosegue sotto la direzione del maestro Alessandro Cadario, con un programma che prevede musiche di Beethoven, Bach, Mozart e Piazzolla.

Il ricavato del concerto andrà a favore di Dottor Sorriso Onlus, associazione che dal 1996 porta l'allegria nei reparti di pediatria di ventisette strutture sanitarie italiane e in molti Paesi afflitti dalle guerre e dal disagio.
 

Il Pilato al S. Agata si riconferma un successo di pubblico

Foto dallo spettacolo di sbato 19 maggio.





martedì 15 maggio 2012

La chiesetta di S. Francesco- III parte

Riprende dopo una breve pausa il nostro appuntamento settimanale con la storia della Chiesetta di San Francesco a Ravanera. Nel post di oggi avremo modo di focalizzarci in anni più recenti, in quanto vengono descritte le operazioni di restauro della chiesetta. Inoltre verranno proposte alcune foto d'archivio delle celebrazioni della messa a opera di Don Plinio, al tempo parroco della comunità di Camnago Volta.

Ristrutturazione e restauri

I lavori iniziarono nell'autunno del 1992. Le condizioni della chiesetta erano talmente precarie da ritenerla addirittura inagibile soprattutto per la copertura del tetto ormai fatiscente. L'interno con tutti gli intonaci sgretolati e le immagini sacre quasi illeggibile non permettevano più una degna celebrazione liturgica. Causa principale l'alto tasso di umidità a,boemtaòe che aveva degradato intonaci e completamente sfigurato dipinti e decorazioni. Già nei secoli scorsi, nelle diverse visite pastorali, i Vescovi avevano lamentato l'eccessiva umidità.

Mani esperte, abilissime e gentili intente al restauro della grande cornice.

Le pareti esterne, continuamente soggette all'azione delle acqua meteoriche non inacanalate e la presenza di una sorgente d'acqua nelle immediate vicinanze, accentuava il fenomeno della risalita capillare che molto spesso faceva tracimare acqua anche dal pavimento. Il Primo intervento fu la ricostruzione del tetto, con sostituzione di buona parte della struttura: travi, travetti e assito che, a causa dell'umidità e della tarlatura, non risultavano  più efficaci. Conservati e ripristinati nella orditura originale i coppi antichi con qualche piccola sostituzione.
Si pose poi mano alla muratura esterna, con la demolizione dell'intonaco degradato per portare alla luce la muratura stessa, effettuando iniezioni di malta di consolidamento.

La ristrutturazione dell'esterno è finalmente completata: la facciata rivive di nitore nella sua estrema semplicità francescana
Sul lato nord si sono applicati moderni congegni per evitare la risalita capillare dell'umidità. E' stata lasciata intatta per ragioni architettoniche la facciata che è stata semplicemente ripulita e affrescata.
Venne consolidato il piccolo campanile e rinsaldati attacchi e sospensioni della campana.
All'interno altrettanto notevoli interventi, come il rifacimento degli intonaci e il risanamento della muratura, utilizzando materiali idorepellenti nelle parti più compromesse e a rischio per l'umidità.
Le volte della chiesa vennero consolidate, rimovendo fessurazioni e cedimenti. Rifatti in ferro i serramenti dei due grandi finestroni, dotandoli di vetri adatti.
Sostituito l'altare, in muratura tutto sbrecciato, con sobrio ed elegante altare in granito, avendo cura di conservare come piano mensa l'antica pietra tutta d'un pezzo che già copriva l'altare in muratura. Dell'antico legno con cui erano costruiti i gradini d'accesso è stata ricavata la pedana incastonata nel granito. Restaurati i vecchi banchi in noce; rifatta totalmente la porta d'ingresso, usando gli stessi chiodi, cardini e serratura originali.
Ma il vero gioiello di tutta l'operazione è il recupero del dipinto di S. Francesco insieme all'originale cornice barocca. Sa quasi di miracoloso l'opera di restauro, che mani competenti e delicate hanno saputo realizzare

Portale in legno, completamente rifatto, ma conservando serrature, cardini e chiodi originali del tempo, fatti a mano

Domenica 11 giugno 1995. Solenne celebrazione comunitaria al termine dei restauri.



Con la partecipazione del Coro Voltiano.





Alcuni bimbi sostano in preghiera.


sabato 12 maggio 2012

Personaggi passati da Camnago - Stefano Borsatto

a cura di Roberto Todeschini 

Stefano Borsatto, che in due occasioni ha accompagnato all'organo della nostra chiesa i ragazzi del Coro del Teatro Sociale di Como. Ascoltiamolo in questa esibizione davvero notevole.



Nato a Milano nel 1994, ha iniziato lo studio del pianoforte all'età di 8 anni, studiando con il M.° Khna Karaca e diplomandosi, all'età di 15 anni, nel luglio 2010 presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Como con il massimo dei voti e la lode. Ha seguito corsi di perfezionamento pianistico tenuti dal M.° Tiziano Poli e dal M.° Antonio Ballista ed è risultato già vincitore di diversi concorsi nazionali e internazionali di Pianoforte. Dal 2007 frequenta in qualità di pianista il corso di Formazione Professionale Orchestrale dell'Accademia "I Piccoli Pomeriggi Musicali" del Teatro Dal Verme di Milano. Dal 2009 frequenta il corso di Organo e Composizione Organistica presso il "Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra" di Milano sotto la guida del M.° Alessandro La Ciacera.

mercoledì 9 maggio 2012

Il vangelo secondo Pilato a S. Agata

Vi invitiamo nuovamente a partecipare a questo evento tratto da un testo di Eric-Emanuel Schmtt e che sta riscuotendo, dopo l'anteprima di Camnago Volta, un enorme successo nei teatri Lombardi. L'ultima  rappresentazione, lo scorso 30 Aprile al Teatro Sociale di Como. Vi aspettiamo!!


Sabato 19 maggio, ore 21:00

presso la Chiesa di S. Agata,  via Cetti 2-Como
Ingresso libero – Avviso sacro


lunedì 7 maggio 2012

Venite Exultemus: un successo

di Roberto Todeschini
  

Venite Exultemus. Con questo saluto a Maria, l'auditorium di Camnago Volta ha accolto il coro Cardinal Ferrari di Cantu', con un concerto che ha visto presenti parecchi devoti, ma anche molti musicisti venuti per ascoltare una realtà, nata in ambito scolastico, ma cresciuta nel tempo grazie al prezioso contributo di Luigi Rizzi, maestro e insegnante della scuola.

Repertorio liturgico di elevata caratura, sia nella ricerca dei brani, sia nell'esecuzione applaudita da un pubblico attento e compentente, nel sottolineare con varie intensità di applauso i brani proposti.  

 Uno dei brani piu' applauditi, senza nulla togliere ai famosi compositori proposti,  è stato il " Sono Risorto" composto dal maestro Lorenzo Pestuggia, organista accompagnatore del coro. Di questa serata rimarrà impressa nel cuore la spiritualità del mese mariano e il canto del coro, grande nei numeri e nell'esecuzione. 


Da segnalare la presenza in sala dell'ex direttore del settimanale della Diocesi Don Agostino Clerici,  di vari  personaggi della politica comasca e musicisti del Conservatorio di Como.