Ricordando l'olocausto

la canzone dell'uccello

Chi s'aggrappa al nido non sa che tutti gli uccelli sanno
e non sa perché voglio cantare il creato e la sua bellezza.
Quando all'alba il raggio del sole illumina la terra
e l'erba scintilla di perle dorate, quando l'aurora scompare
e i merli fischiano tra le siepi, allora capisco come è bello vivere.
Prova, amico, ad aprire il tuo cuore alla bellezza
quando cammini tra la natura per intrecciare ghirlande
coi tuoi ricordi: anche se le lacrime ti cadono lungo la strada,
vedrai che è bello vivere.
1941, Anonimo

Commenti

Post popolari in questo blog

Gnomi alla linea del Tram: "Meno smartphone, più natura!"

Il Sentiero del Beato- "L'incontro" tra Volta e Lambertenghi con le Passeggiate Creative

"Mamma, c'è un coniglio nel parco"- L'insolito inquilino di Camnago Volta